Marche inVita. Lo spettacolo dal vivo per la rinascita dal sisma

è il progetto realizzato dalla Regione Marche

in collaborazione con Consorzio Marche Spettacolo e AMAT

per la promozione di attività di spettacolo dal vivo

nei Comuni colpiti dal sisma

 

Con la Finanziaria 2017 il Governo ha stanziato risorse straordinarie per sostenere le attività di spettacolo dal vivo nei territori colpiti dal sisma iniziato nell’agosto 2016 al fine di rivitalizzare il tessuto economico e sociale e ricostruirne l’attrattività. Il DM 131/2018, nell’ambito del Fondo Unico per lo spettacolo dal vivo (L. 175/2917), ha destinato risorse aggiuntive a favore delle regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria.
Direttamente interessate dal sostegno sono le realtà locali presenti nei tanti borghi del territorio marchigiano, attraverso la realizzazione di attività ordinarie e di grandi eventi aggreganti che coinvolgano anche personalità di rilievo del mondo dello spettacolo. Le attività di spettacolo devono essere prioritariamente rivolte ai più giovani, in collaborazione col mondo della scuola, e agli anziani, che rappresentano una parte significativa della popolazione presente nei territori interessati dal sisma.
Con la DGR 681/2017 è stato approvato lo schema di Accordo di Programma Mibact – Regione Marche per i progetti di attività culturali nei territori, mentre con DGR 829/2017 sono stati approvati i criteri e le modalità di attuazione degli stessi e, contestualmente, sono stati individuati i progetti di iniziativa regionale attuati direttamente dalla Regione.

Per il 2018, la Regione, in successione con i progetti già avviati a partire dal 2017 e in parte ancora in svolgimento, con la DGR 881/18 in attuazione del DM 131/18:

  • Mantiene il sostegno a Risorgimarche (16 concerti gratuiti in altrettanti siti suggestivi dell’area del cratere, da parte di artisti italiani di fama internazionale che gratuitamente aderiscono all’iniziativa).
  • Riconferma l’attenzione riservata allo Sferisterio Opera Festival quale evento di punta per lo spettacolo dal vivo, con forza identitaria e attrattiva di riferimento per l’intero territorio del cratere.
  • Riconosce un sostegno ad individuazione diretta per le realtà del volontariato organizzato che operano nel settore dello spettacolo dal vivo caratterizzate da una diffusione capillare nel territorio e da una propria tradizione di formazione ed educazione allo spettacolo e alla musica.
  • Attiva una misura a sé stante gestita con la collaborazione del Consorzio Marche Spettacolo che raggruppa tutte le realtà più significative del sistema regionale dello spettacolo dal vivo nelle Marche – in particolare gli enti sostenuti anche dal Mibact tramite FUS, per dare attenzione ai professionisti dello spettacolo che operano nel territorio e le esperienze consolidate e operanti già prima del sisma, che consentivano e possono consentire opportunità di nuova ripartenza, di lavoro artistico qualificato, nonché occasioni di lavoro tecnico correlato alle produzioni di spettacolo.
  • Assegna risorse all’animazione territoriale di spettacolo, programmata seguendo sia l’iniziativa delle Amministrazioni comunali dei territori del sisma, secondo una procedura di individuazione tramite avviso pubblico, sia attraverso un progetto di circuitazione, che consenta forme di ottimizzazione a rete delle proposte, e che viene curato da Amat, in quanto ente riconosciuto e operante come ‘circuito multidisciplinare’ regionale.

Per approfondimenti, visita la pagina ufficiale del progetto sul sito della Regione Marche.

Facebook
Twitter
Instagram
YouTube

 

Illustrazione di Valentina Marchionni